fbpx

Non bisogna confondere la toilette, che riguarda la pulizia e che quindi è praticata quotidianamente dal proprietario, e la toelettatura, che si riferisce all’estetica degli animali.

Quest’ultima permette di mettere in risalto la morfologia ed il carattere di una razza, ma anche di nascondere difetti e donare una silhouette perfetta.

Per i professionisti, una buona toelettatura è solo quella che non si vede, che rispetta l’animale.

In realtà i cani da compagnia hanno bisogno raramente della toelettatura, diversamente dalla toilette che è richiesta periodicamente. Salvo qualche razza come il barbone, infatti, l’attivita di toelettatura è principalmente praticata per il piacere personale del proprietario.

È invece indispensabile per i cani da concorso, esaminati dagli occhi esperti ed esercitati di un professionista. In queste circostanze l’animale rappresenta la sua razza e ha il dovere di essere perfetto.

È naturale che, per potersi sottoporre alla toelettatura, il soggetto deve essere in buona salute, nessuna malattia cutanea, nessuna dermatite, e nessuna vaccinazione recentissima.